LEGGI, PRASSI E GIURISPRUDENZA

Banca dati di Leggi, decreti, circolari, risoluzioni ministeriali e sentenze che investe, in modo integrato, tutte le materie di interesse nella gestione delle organizzazioni no profit. La Banca dati delle Leggi è ad accesso gratuito.

RICERCA NORMATIVA (1731 documenti in elenco)

L'accesso ai contenuti in abbonamento è riservato ai clienti abilitati al servizio.

ULTIMI DOCUMENTI INSERITI

IN ABBONAMENTO

15/11/2016

Ministero della Salute Nota esplicativa del 15/11/2016

Nota esplicativa circa l'ambito di applicazione dell'art.48, comma 18, del Decreto Legge 17/10/2016 n.189, recante interventi urgenti in favore delle popolazioni colpite dal sisma del 24/8/2016

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

02/11/2016

CTP Reggio Emilia sentenza del 2.11.2016 n. 290

"la Corte di Cassazione ha affermato il principio , da cui non vi è motivo per discostarsi in questa sede, secondo cui" In tema di contenzioso tributario, l'impugnazione della cartella di pagamento da parte di un'associazione non riconosciuta, già estinta al momento della notifica del precedente avviso di accertamento, e improponibile poiché l'inesistenza del ricorrente è rilevabile anche d'ufficio e nel giudizio legittimità la sentenza di merito impugnata (nella specie, di rigetto dell'appello del contribuente) va cassata senza rinvio ai sensi dell'art. 382, comma 3, secondo periodo, c.p.c. [sent. n. 2015/20252 (Rv.636861)]; in motivazione la sentenza ci ricorda infatti '' ... che l'associazione non riconosciuta (diversamente da quella riconosciuta) si estingue immediatamente, ipso facto, con il verificarsi di una delle cause di estinzione (identiche a quelle previste per l'associazione riconosciuta): la liquidazione si attua secondo le modalità stabilite dallo statuto o dall'assemblea, senza che si applichi ex lege il particolare procedimento di liquidazione previsto per le associazioni riconosciute dagli artt. 29, 30, 31 e 32 c.c. e 11 delle relative disposizioni di attuazione";
insomma l'atto impugnato va dichiarato nullo in quanto intestato ad un soggetto giuridico inesistente, essendosi sciolta l'associazione in data 31/12/2008, e pertanto carente di un suo elemento essenziale."

LEGGI IL DOCUMENTO

IN ABBONAMENTO

24/10/2016

Commissione Tributaria Regionale Umbria 24.10.2016 n. 491

Associazione in regime 398 - contestazione sulla tracciabilità di versamenti/pagamenti in contanti - decadenza dal regime 398 - applicazione del principio del favor rei

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

22/10/2016

Decreto-legge del 22/10/2016 n. 193

Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili. 

SCARICA IL PDF

CONSULTA LIBERAMENTE

05/10/2016

Proposta di legge primo firmatario il deputato BERNARDO A.C. N. 4070

Modifiche al testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, per la promozione dell’attività fisica nei luoghi di lavoro e altre agevolazioni tributarie per la pratica sportiva 

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

04/10/2016

Commissione Tributaria Provinciale di Firenze 4.10.2016 n. 1278

Ai volontari è precluso il rimborso a forfait

LEGGI IL DOCUMENTO

IN ABBONAMENTO

29/09/2016

Corte dei Conti, Sezione Regionale di Controllo per la Toscana, Delibera n. 141 del 29 settembre 2016

Esiste il volontariato individuale?

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

29/09/2016

Interrogazione parlamentare 29.9.2016 n.5 - 09617 PISANO

Eliminazione dal modello EAS per la trasmissione, da parte degli enti non commerciali di natura associativa, dei dati e delle notizie rilevanti ai fini fiscali, delle informazioni già in possesso dell'Amministrazione finnaziaria o di altre amministrazioni pubbliche

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

28/09/2016

Cassazione civ. Sez. VI - 5, Ordinanza 28.9.2016, n. 19238

Le associazioni non beneficiano di uno status di extrafiscalità, che li esenta, per definizione, da ogni prelievo fiscale, occorrendo sempre tenere conto della natura delle attività svolte in concreto.

LEGGI IL DOCUMENTO

IN ABBONAMENTO

26/09/2016

CTP Reggio Emilia 26.9.2016 n.259

Violazione del principio di tracciabilità - decadenza dalla 398 - applicazione del principio del favor rei

LEGGI IL DOCUMENTO

IN ABBONAMENTO

26/09/2016

Commissione Tributaria Provinciale Reggio Emilia sentenza del 26.9.2016 n. 260

Le associazioni possono chiedere corrispettivi specifici ai soci oltre alle quote di adesione? I corrispettivi specifici possono essere differenziati a seconda dei servizi erogati? 

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

13/09/2016

Commissione Tributaria Provinciale Veneto Treviso Sez. V, Sentenza del 13.9.2016, n. 340

Una associazione sportiva dilettantistica subisce l'accertamento da parte dell'Agenzia delle Entrate che contesta le modalità di tenuta delle delibere assembleari, l'omessa indicazione in denominazione della natura sportiva dilettantistica in alcuni documenti, la decadenza della 398 per transazioni in contanti superiori ai 516 euro per superamento del plafond.

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

28/07/2016

Decreto Presidente del Consiglio dei Ministri 28/07/2016

Criteri di riparto della quota del cinque per mille dell'Irpef destinata, a scelta del contribuente, al finanziamento delle attività di tutela, promozione e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici.

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

26/07/2016

Consiglio di Stato sentenza n.3378 del 26/07/2016

Il Consiglio di Stato si pronuncia sui massaggi che non hanno nè finalità estetiche nè terapeutico-riabilitative.

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

19/07/2016

Ministero della Salute Decreto 19.7.2016

Proroga defibrillatori

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

18/07/2016

Commissione Tributaria Provinciale Reggio Emilia sentenza del 18.7.2016 n. 229

La previsione che la partecipazione alle attività associative sia subordinata al versamento di un corrispettivo specifico può essere considerata sintomatica della temporaneità del vincolo associativo?

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

13/07/2016

Commissione tributaria provinciale di Lucca sentenza depositata il 13/07/2016.

Se divento Presidente di una associazione, divento responsabile anche delle obbligazioni assunte da chi ha precedentemente gestito l’associazione?

Rispondo anche delle eventuali contestazioni in materia tributaria relative ad esercizi precedenti all’assunzione della carica elettiva?

Questo dubbio condiziona molto i soci che vengono “invitati” a candidarsi per le cariche elettive ma sul tema abbiamo interessanti pronunce della Cassazione oltre a pronunce di merito, tra cui la sentenza della Commissione tributaria provinciale di Lucca depositata il 13/07/2016.

SCARICA IL PDF

CONSULTA LIBERAMENTE

28/06/2016

Proposta di legge d’iniziativa della deputata SBROLLINI A.C. N. 3936

Disciplina delle attività sportive dilettantistiche 

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

16/06/2016

Legge 06/06/2016 n. 106

Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell'impresa sociale e per la disciplina del servizio civile universale. 

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

15/06/2016

Commissione Tributaria Regionale Potenza sentenza del 15.6.2016 n. 280/2/16

Contestazioni sulla genuinità associativa del sodalizio - decadenza dal regime di cui alla Legge 398 per sforamento del plafond imputando anche le fatture emesse ma non riscosse

LEGGI IL DOCUMENTO

IN ABBONAMENTO

10/06/2016

CONI Circolare prot.6897 del 10.06.2016

Certificazione medica per l'attività sportiva non agonistica

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

07/06/2016

Corte d’Appello di Bologna, sez. Lavoro – Sentenza n. 250/2016 del 7.06.2016

Sui compensi sportivi.

"La precisazione legislativa non lascia dubbi quanto alla riconducibilità  dei rapporti di esercizio di attività  sportiva dilettantistica, come nel caso di specie, a quelli ricompresi nell’art. 67, comma 1, lett. M), TUIR e pertanto assoggettati alla disciplina fiscale prevista dall’art. 69, comma , TUIR, e dall’art. 25, comma 1, della legge 133 del 1999. I relativi redditi sono pertanto soggetti ad imposizione fiscale solo per importi superiori ad Euro 7.500,00 annui nella parte eccedente e nessuna contribuzione previdenziale è dovuta. Per negare l’esenzione l’ente previdenziale dovrebbe provare l’insussistenza del presupposto formale fissato dalla normativa speciale e, quindi, la non esistenza di una società sportiva dilettantistica senza scopo di lucro riconosciuta dal C., (cfr. Corte Appello Milano, sentenza 1172/14).

9. Alla luce dei rilievi svolti, appare dimostrato che l’appellante avesse natura di società sportiva dilettantistica  riconosciuta dal C. e che – in difetto di prova contraria – le prestazioni svolte dagli istruttori fossero dirette all’insegnamento di discipline sportive dilettantistiche, non rilevando la finalizzazione allo svolgimento di gare o manifestazioni sportive."

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

03/06/2016

Commissione Tributaria Provinciale di Parma sentenza 3.6.2016 n. 422/1/16

Regime 398 - decadenza per violazione del principio di tracciabilità ex art.25 L.133/1999 - principio del favor rei

SCARICA IL PDF

IN ABBONAMENTO

26/05/2016

Commissione tributaria regionale Lombardia Sentenza n.3203 del 26 maggio 2016

Contestazioni ad una asd. Rapporti con una immobiliare - Asserite carenze statutarie - Rapporto tra art.148 TUIR e art.90 L.289/2002 - Presunta violazione del principio di uniformità del rapporto associativo per la presenza di diverse categorie di soci

LEGGI IL DOCUMENTO

IN ABBONAMENTO

18/05/2016

Risoluzione n. 138831 del 18 maggio 2016

In mancanza di specifiche disposizioni legislative, le attività di massaggi non riconducibili alle tipologie di massaggi aventi finalità di carattere terapeutico o di miglioramento e protezione dell'aspetto estetico, ma riguardanti il più generico mantenimento di una naturale condizione di benessere, non dovessero essere sottoposte a specifiche restrizioni all'esercizio, quali ad esempio il titolo abilitante alla professione di estetista, fatto salvo, in ogni caso, il rispetto delle generali norme igienico-sanitarie applicabili, nonché ogni eventuale profilo demandato alle disposizioni regionali o comunali (ad esempio relativamente all'idoneità dei locali).

SCARICA IL PDF

Contatti

Siete interessati ad avere maggiori informazioni sui nostri servizi?
Non esitate a contattarci.

I nostri uffici sono presenti a:

Bologna - Sede legale ed operativa

Via S. Maria Maggiore n.1
40121 Bologna
Tel. 051/238958
Fax 051/225203

Si accede anche da Via Riva di Reno n.75/3, terzo piano, ingresso UISP Comitato Regionale Emilia Romagna

 

Reggio Emilia - Sede decentrata

c/o UISP Comitato Reggio Emilia

Via Tamburini n.5
42100 Reggio Emilia (RE)
Tel. 0522/267207
Fax: 0522/332782


Si riceve su appuntamento.

© 2016 Arsea s.r.l - via S.Maria Maggiore, 1 - 40121 Bologna - P.IVA 02223121209

Contratto       Privacy Policy