STAMPA PDF

DECRETO CURA ITALIA: quali indicazioni fornire ad autonomi e COCOCO?

Il Decreto-legge del 17/03/2020 ha introdotto una serie di indennità dirette a determinate categorie di lavoratori tra cui i titolari di partita iva ed i collaboratori coordinati e continuativi con riferimento ai quali non è operativa la cassa integrazione (sul tema ci siamo già soffermati in Arsea Comunica n. 48 del 19/03/2020).

L’INPS è intervenuto con il Messaggio n. 1288 del 20/'0/2020 per offrire alcuni chiarimenti.

 

Come si presenta l’istanza?

La prima indicazione da dare è che i lavoratori interessati al fine di ricevere l’indennità dovranno presentare la domanda all’INPS utilizzando i consueti canali telematici messi a disposizione per i cittadini e per i patronati nel sito internet dell’Inps, www.inps.it

Le domande saranno rese disponibili, entro la fine del corrente mese di marzo, dopo l’adeguamento delle procedure informatiche.

Per accedere al portale INPS è necessario essere dotati del PIN.

L’INPS, con il messaggio n. 1381 del 26/3/2020, ha adottato modalità semplificate per acquisirlo. Chi non fosse pertanto in possesso già delle credenziali di accesso (PIN dispositivo rilasciato dall’Inps, SPID di livello 2 o superiore; Carta di Identità Elettronica 3.0; Carta Nazionale dei Servizi) dovrà richiederlo ricorrendo, alternativamente, ad una delle seguenti strade:

a)   utilizzando il servizio “Richiesta PIN» alla pagina https://serviziweb2.inps.it/RichiestaPin/richiestaPIN.do del sito dell’Istituto www.inps.it;

b) chiamando il numero verde 803 164 (gratuito da rete fissa), oppure 06 164164 (a pagamento da rete mobile).

Il PIN arriva via SMS o via e-mail: è un codice di otto cifre che può essere – in questo caso - immediatamente utilizzato in fase di autenticazione per la compilazione e l’invio della domanda on line per le richieste di indennità professionisti e COCOCO in gestione separata INPS e in gestione lavoratori dello spettacolo così come per accedere al bonus baby sitting.

Qualora il cittadino non riceva, entro 12 ore dalla richiesta, la prima parte del PIN, è invitato a chiamare il Contact Center per la validazione della richiesta.

 

È vero che chi prima arriva ……?

L’INPS, sul proprio sito istituzionale, evidenzia che diversamente dalle anticipazioni dei giorni scorsi, le domande non saranno presentate in un “click day”, inteso come finestra dentro la quale si possono fare domande di prestazioni. Le domande quindi saranno aperte a tutti e ci sarà un giorno di inizio, con un click. Su questa formula – dichiara l’Istituto - c’è stato purtroppo un grande fraintendimento.

 

Chi può accedere a queste indennità?

Rispetto alla platea dei soggetti potenzialmente interessati, l’INPS ricorda che si tratta di:

1) iscritti alla gestione separata INPS in qualità di:

a)   liberi professionisti (con partita IVA attiva alla data del 23 febbraio 2020, compresi i partecipanti agli studi associati o società semplici con attività di lavoro autonomo di cui all’articolo 53, comma 1, del T.U.I.R.);

b)collaboratori coordinati e continuativi con rapporto attivo alla predetta data del 23 febbraio 2020 e iscritti alla Gestione separata dell’INPS.

Ai fini dell’accesso all’indennità, le predette categorie di lavoratori non devono essere titolari di un trattamento pensionistico diretto e non devono avere altre forme di previdenza obbligatoria.

2) Iscritti alle gestioni speciali dell’Assicurazione generale obbligatoria nelle seguenti gestioni:

a) artigiani;

b) commercianti;

c) coltivatori diretti, coloni e mezzadri:

Ai fini dell’accesso all’indennità le predette categorie di lavoratori non devono essere titolari di un trattamento pensionistico diretto e non devono avere altre forme di previdenza obbligatoria ad esclusione della Gestione separata INPS.

3) Lavoratori stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali.

A tale indennità possono accedere i lavoratori dipendenti stagionali dei settori del turismo e degli stabilimenti termali che abbiano cessato il rapporto di lavoro nell’arco temporale che va dal 1° gennaio 2019 alla data del 17 marzo 2020 (l’INPS si riserva l’opportunità di specificare in circolare le attività dei lavoratori impiegati in settori del turismo e stabilimenti balneari).

Ai fini dell’accesso all’indennità i predetti lavoratori non devono essere titolari di un trattamento pensionistico diretto e non devono essere titolari di rapporto di lavoro dipendente alla data del 17 marzo 2020.

4) Lavoratori agricoli.

A tale indennità possono accedere gli operai agricoli a tempo determinato e le altre categorie di lavoratori iscritti negli elenchi annuali purché:

a)   possano fare valere nell’anno 2019 almeno 50 giornate di effettivo lavoro agricolo dipendente;

b)non siano titolari di pensione.

5) Lavoratori dello spettacolo

A tale indennità possono accedere i lavoratori dello spettacolo iscritti al Fondo pensioni dello spettacolo, che abbiano i seguenti requisiti:

a)   almeno 30 contributi giornalieri versati nell’anno 2019 al medesimo Fondo;

b)che abbiano prodotto nel medesimo anno un reddito non superiore a 50.000 euro;

c)   detti lavoratori non devono essere titolari di un trattamento pensionistico diretto né di rapporto di lavoro dipendente alla data del 17 marzo 2020.

 

Svolgo diverse attività lavorative: posso cumulare le indennità?

No: le indennità in esame non sono tra esse cumulabili.

 

Percepisco il reddito di cittadinanza: posso accedere all’indennità?

No per espressa indicazione della norma.

 

Arsea Comunica n. 56 del 26/03/2020

 

Sul sito www.arseasrl.it sono presenti ulteriori approfondimenti sul tema. Se trovi le informazioni utili, valuta l'abbonamento al servizio.

Per informazioni http://arseasrl.it/elencoAbbonamenti

 

 

Lo staff di Arsea

Contatti

Siete interessati ad avere maggiori informazioni sui nostri servizi?
Non esitate a contattarci.

I nostri uffici sono presenti a:

Bologna - Sede legale ed operativa

Via S. Maria Maggiore n.1
40121 Bologna
Tel. 051/238958
Fax 051/225203

Si accede anche da Via Riva di Reno n.75/3, terzo piano, ingresso UISP Comitato Regionale Emilia Romagna

 

Reggio Emilia - Sede decentrata

c/o UISP Comitato Reggio Emilia

Via Tamburini n.5
42100 Reggio Emilia (RE)
Tel. 0522/267207
Fax: 0522/332782


Si riceve su appuntamento.

© 2016 Arsea s.r.l - via S.Maria Maggiore, 1 - 40121 Bologna - P.IVA 02223121209

Contratto       Privacy Policy