Elenco Documenti Ufficiali

In questa sezione trovate i contributi che Istituzioni, pubbliche e private, hanno offerto nel definire la disciplina degli Enti senza scopo di lucro.

28-02-2017

CONSULTA LIBERAMENTE

Agenzia delle Entrate Direzione Reg.le Sardegna: la fiscalità delle ASD/SSD

L'Agenzia delle Entrate, Direzione Regionale della Sardegna, ha illustrato nel corso del convegno organizzato il 15 ed il 17 febbraio 2017 con il CONI Sardegna, la disciplina fiscale delle associazioni sportive dilettantistiche.

SCARICA PDF

28-02-2017

CONSULTA LIBERAMENTE

Agenzia delle Entrate Direzione Reg.le Sardegna: agevolazioni e adempimenti fiscali ASD/SSD

La Direzione Regionale della Sardegna ha presentato, nel corso del convegno organizzato il 15 e 17 febbraio 2017 con il CONI Sardegna, alcune interessanti slide   

SCARICA PDF

28-02-2017

CONSULTA LIBERAMENTE

Agenzia delle Entrate Direzione Reg.le Sardegna: il lavoro sportivo e le novità del registro CONI

Il CONI Sardegna ha presentato, nel corso del convegno organizzato il 15 e 17 febbraio 2017 con la Direzione Regionale dell'Agenzia delle Entrate Sardegna, alcune interessanti slide 

SCARICA PDF

21-02-2017

CONSULTA LIBERAMENTE

Censimento Istat su Istituzioni non Profit

La presente nota ha come obiettivo quello di supportare gli enti associativi nella compilazione del questionario Istat alla luce delle informazioni fornite dall’Istituto di statistica e delle risposte ai quesiti posti all’Istituto dal Forum Nazionale per il Terzo Settore con riferimento al censimento del 2012, in parte coincidente con la versione attuale.  

SCARICA PDF

15-01-2017

CONSULTA LIBERAMENTE

La trasformazione delle associazioni sportive dilettantistiche in società di capitali, tra normativa previgente e nuova disciplina

di Luca Scarpa.

Come è noto, l’istituto della trasformazione ha subito radicali e incisive variazioni nel passaggio fra la disciplina del codice civile del 1942 e quella ridisegnata dal decreto legislativo 17 gennaio 2003, n.6.

Quella di maggior rilievo è la previsione , degli articoli 2500-septies e 2500- octies, mirata a legittimare le trasformazioni c.d. “eterogenee”.

Del tutto particolare è però il caso di trasformazione da Associazione Sportiva Dilettantistica in Società di Capitali a causa della normativa specifica che regola la materia. Il presente documento affronta il tema e cerca di risolverlo. 

SCARICA PDF

29-12-2016

CONSULTA LIBERAMENTE

Riforma dello sport: proposte di emendamenti del CNDCEC

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili  presenta alcuni emendamenti alla proposta di Legge recante “Disposizioni per il riconoscimento e la promozione della funzione sociale dello sport nonché delega al Governo per la redazione di un testo unico delle disposizioni in materia di attività sportiva” (A.C. n. 1680)  

SCARICA PDF

06-12-2016

CONSULTA LIBERAMENTE

Risoluzione in materia di sport della 7ª Commissione permanente del Senato d’iniziativa della senatrice IDEM

La Commissione ha effettuato una indagine sullo «stato di salute» dello sport in Italia, al fine di sostenere il ruolo e la funzione dello sport e dell’attività fisica e motoria all’interno della nostra società. Alla luce degli approfondimenti svolti emerge un quadro complessivo abbastanza positivo, all’interno del quale, tuttavia, si avverte l’esigenza di compiere alcune distinzioni e segnalare l’opportunità di alcuni interventi normativi, anche nell’ottica di dare al sistema quella «spinta» che la nostra società dovrebbe imprimere in ragione del ruolo sociale e inclusivo (in primis per giovani, anziani, disabili, immigrati) e dei benefici psico-fisici dello sport. Anzitutto, occorre rimarcare come la disciplina legislativa del settore, anche in ragione della risoluzione adottata nella 69ª Assemblea generale delle Nazioni Unite in cui si ribadisce il carattere di indipendenza e autonomia dello sport, necessiti di un’opera di revisione, al fine di adeguare la normativa al mutato contesto sportivo, economico e sociale. Dal punto di vista dell’ordinamento statale, sarebbe quindi opportuno redigere un testo unico in materia di sport, in modo da semplificare e razionalizzare un quadro giuridico che appare, oltreche ́piuttosto «datato» per numerosi aspetti, anche frammentato e stratificato.
Si è́ ritenuto utile, poi, fornire alcuni suggerimenti che potrebbero coadiuvare lo sviluppo di un settore per il quale si tende a ragionare ancora troppo per «compartimenti stagni». Questo significa che bisogna ancora compiere alcuni passi rilevanti: integrare le norme di settore inserendole in un contesto di più ampie vedute, promuovere maggiori interazioni tra il mondo del lavoro e l’istruzione, prevedere soluzioni specifiche per alcune questioni insolute (ad esempio, la mancanza di una disciplina per lo sport dilettantistico o i problemi connessi alla gestione dell’impiantistica sportiva). Serve, quindi, promuovere l’adozione di politiche sportive «di più ampio respiro» e compiere maggiori investimenti nel settore, temi che l’eventuale assegnazione dei Giochi olimpici in Italia avrebbe facilitato, per interventi «di sistema» volti ad attivare quelle sinergie indispensabili senza cui non si potrà esprimere pienamente quel potenziale, ancora in parte inespresso, connesso alla rilevanza del settore in un Paese nel quale circa la metà della popolazione, più 30 milioni di persone, pratica, anche saltuariamente, un’attività  sportiva. 

SCARICA PDF

01-12-2016

CONSULTA LIBERAMENTE

Osservazioni del CNDCEC per la predisposizione dei decreti attuativi della riforma del Terzo Settore

Il Consiglio nazionale dei dottori commercialisti e degli esperti contabili ha colto assai favorevolmente il completamento del progetto di predisposizione della legge delega sulla riforma del terzo settore.
Il presente documento contiene le osservazioni che il CNDCEC ha predisposto in funzione degli emanandi decreti attuativi della riforma.

SCARICA PDF

30-11-2016

CONSULTA LIBERAMENTE

Terza Indagine Indici di Efficienza Economica nell'attività di ricerca fondi

L'Istituto Italiano Donazione svolge periodicamente un'indagine dedicata agli indici di efficienza economica dei propri associati. Questa ricerca mostra come i soci dell'Istituto dedichino alla propria missione ben l'80% circa delle proprie risorse ed, in media, spendano solo 20 centesimi per raccogliere un euro. Non va però dimenticato che vi sono importati differenze tra singole realtà e che quindi non è corretto avere come unico benchmark di valutazione la sola percentuale di investimento nella mission. Dall'indagine emerge chiaramente che le raccolte fondi più efficienti risultano essere quelle realizzate da organizzazioni con maggiore esperienza temporale in questa direzione e che possono permettersi un investimento per potenziarne ed innovarne le modalità. La raccolta fondi è un'attività di relazione da curare ogni giorno, anche alla luce del fatto che i privati si confermano essere la fonte di finanziamento principale”. 

SCARICA PDF

29-02-2016

CONSULTA LIBERAMENTE

Agenzia delle Entrate D.R. Emilia Romagna - Risposte a quesiti delle ASD

Sabato 27 febbraio, nel corso del Convegno organizzato dal CONI Emilia Romagna e dall'Agenzia delle Entrate Direzione regionale Emilia Romagna, sono stati presentati gli esiti del tavolo di confronto istituito allo scopo di migliorare la conoscenza degli adempimenti tributari a beneficio del mondo sportivo dilettantistico.

SCARICA PDF

Contatti

Siete interessati ad avere maggiori informazioni sui nostri servizi?
Non esitate a contattarci.

I nostri uffici sono presenti a:

Bologna - Sede legale ed operativa

Via S. Maria Maggiore n.1
40121 Bologna
Tel. 051/238958
Fax 051/225203

Si accede anche da Via Riva di Reno n.75/3, terzo piano, ingresso UISP Comitato Regionale Emilia Romagna

 

Reggio Emilia - Sede decentrata

c/o UISP Comitato Reggio Emilia

Via Tamburini n.5
42100 Reggio Emilia (RE)
Tel. 0522/267207
Fax: 0522/332782


Si riceve su appuntamento.

© 2016 Arsea s.r.l - via S.Maria Maggiore, 1 - 40121 Bologna - P.IVA 02223121209

Contratto       Privacy Policy